-10% DI SCONTO SE TI ISCRIVI ALLA NEWSLETTER

Cerca
Chiudi questa casella di ricerca.
0
0
Cerca
Chiudi questa casella di ricerca.

Da Dove si Ricava la Lana di Cashmere? Origini e Lavorazione

Il cashmere, con la sua lucentezza e morbidezza inconfondibile, è una delle fibre più pregiate, utilizzate nel mondo della moda. Ma da quale animale viene prodotta questa lussuosa lana di cashmere? In questo articolo scopriremo: come si produce il cashmere, da dove viene la lana di cashmere, le differenze con altre lane e approfondiremo la sua produzione e lavorazione.

VERO Cashmere: come si produce e come riconoscerlo

Quale animale produce lana di cashmere?

Il nome “cashmere” deriva dalla regione dell’Himalaya di Kashmir, dove il commercio di questa preziosa lana ha avuto origine secoli fa. Il cashmere è ottenuto dal sottopelo della Capra Hircus, originaria delle regioni montuose dell’Asia centrale e settentrionale. Questo animale resiste alle rigide temperature invernali, sviluppando uno strato sottile e soffice di pelo per proteggersi dal freddo. Questo sottopelo, noto come cashmere, viene raccolto attraverso un processo delicato di pettinatura o taglio, SENZA arrecare DANNI agli ANIMALI.

fibra della lana di cashmere derivata dalla capra hircus

Come si raccoglie il cashmere?

La raccolta del cashmere è un processo delicato e artigianale che preserva la SALUTE e il BENESSERE delle CAPRE, garantendo al contempo la qualità della preziosa fibra. Ecco come avviene la raccolta del cashmere:

1. Petting o Taglio

La raccolta del cashmere può essere effettuata attraverso due metodi principali: il petting (o pettinatura) e il taglio. Entrambi i metodi sono progettati per raccogliere il sottopelo, la parte più soffice e preziosa del manto delle capre.

Petting (Pettinatura):

Nel metodo della pettinatura, gli artigiani utilizzano pettini speciali a denti fini per separare delicatamente il cashmere dal pelo esterno della capra. Questo processo è lento, e richiede una grande maestria per evitare di arrecare danni alla capra e garantire la qualità del cashmere raccolto. La pettinatura è considerata più rispettosa nei confronti degli animali, poiché il processo non comporta il taglio del pelo.

Taglio

Nel metodo del taglio, il cashmere viene raccolto tagliando il sottopelo con forbici specializzate. Anche in questo caso, è fondamentale che l’operazione venga eseguita con precisione per garantire la qualità della fibra. Il taglio può essere più rapido rispetto alla pettinatura, ma è essenziale prestare molta attenzione per evitare lesioni alla capra.

2. Periodo di Raccolta

La raccolta del cashmere avviene in un periodo specifico dell’anno. Di solito, si svolge durante la primavera, quando le capre hanno sviluppato uno strato più spesso di sottopelo per proteggersi dal freddo invernale. In questo momento, la fibra è al massimo della sua lunghezza e qualità.

3. Cura e Benessere degli Animali:

È necessario sottolineare che la raccolta del cashmere deve essere eseguita con il massimo rispetto degli animali. Le capre devono essere trattate con attenzione e amore durante il processo di raccolta, e la salute a lungo termine degli animali deve essere preservata. Le aziende che seguono pratiche etiche e sostenibili sono particolarmente attente a garantire che la raccolta del cashmere avvenga in modo rispettoso e senza compromettere la salute degli animali.

Che DIFFERENZA c’è tra lana e cashmere?

Mentre la lana merino proviene dalle pecore, il cashmere è ottenuto dalle capre. La differenza principale risiede nella texture: il cashmere è incredibilmente morbido e leggero, offrendo un comfort senza paragoni.

maglioni realizzati con lana di cashmere

Come si colora la lana di cashmere?

La tintura della lana di cashmere è un processo artigianale che può influire significativamente sull’aspetto finale del tessuto. Il cashmere può essere colorato in una vasta gamma di tonalità grazie a tecniche di tintura specializzate. Ecco come avviene il processo di colorazione della lana di cashmere:

1. Pretrattamento

Prima di procedere con la tintura, la lana di cashmere deve essere sottoposta a un pretrattamento per rimuovere eventuali impurità e oli naturali. Questo passaggio è essenziale per garantire che il colore si fissi uniformemente sulla fibra.

2. Scelta dei Coloranti

La scelta dei coloranti è una fase cruciale nel processo di tintura. I coloranti possono essere di origine naturale o sintetica. Le tinture naturali spesso provengono da piante, fiori o insetti e sono apprezzate per la loro sostenibilità. Le tinture sintetiche, d’altra parte, offrono una gamma più ampia di colori e possono essere più resistenti.

3. Immersione o Applicazione a Mano

Una volta che la lana di cashmere è pronta, può essere immersa in un bagno di tintura o il colore può essere applicato manualmente. L’immersione consente di ottenere colori uniformi su tutta la fibra, mentre l’applicazione manuale può creare effetti più sfumati o artistici.

4. Fissaggio del Colore

Dopo l’applicazione del colore, è necessario fissarlo sulla fibra. Questo viene fatto attraverso un processo di fissaggio che può implicare l’uso di agenti fissanti chimici o il calore. Il fissaggio è fondamentale per garantire che il colore rimanga resistente al lavaggio e alla luce.

5. Lavaggio e Asciugatura

Dopo il fissaggio del colore, la lana di cashmere viene lavata accuratamente per rimuovere eventuali residui di tintura non fissata. Successivamente, il tessuto può essere asciugato completando il processo di tintura.

LEGGI LA NOSTRA GUIDA SU COME LAVARE IL CASHMERE:

Come lavare il cashmere? Guida completa

6. Controllo di Qualità

Durante tutto il processo di tintura, vengono effettuati controlli di qualità per assicurarsi che il colore sia uniforme e che la fibra di cashmere conservi la sua morbidezza e lucentezza.

Tecniche Speciali:

Alcune aziende utilizzano tecniche speciali di tintura, come il Tie-dye o l’effetto dégradé, per creare modelli o colorazioni particolari. Queste tecniche richiedono competenze artigianali avanzate e aggiungono un tocco unico ai prodotti in cashmere.

La tintura della lana di cashmere richiede attenzione ai dettagli e un rispetto per la fibra. Scegliendo coloranti di alta qualità e seguendo processi attenti, è possibile ottenere capi di cashmere colorati con vibranti tonalità e allo stesso tempo preservare le qualità di questa pregiata fibra.

Quanto cashmere produce una capra?

La quantità di cashmere prodotto da una singola capra può variare notevolmente a seconda di diversi fattori, tra cui la razza, le condizioni ambientali, la cura dell’animale e la sua salute generale. In media, una capra Capra Hircus, la specie da cui si ricava il cashmere, può produrre circa 150-200 grammi di cashmere all’anno.

Il cashmere è una fibra preziosa e rara, il che contribuisce al suo valore sul mercato. La produzione limitata rende il cashmere un materiale esclusivo, richiedendo attenzione e cura nella sua raccolta e lavorazione.

Scopri la bellezza del VERO Cashmere su LATHUILE

Regalati il comfort e lo stile che solo questa fibra può offrire. Acquista ora un capo e vivi l’esperienza del cashmere MADE IN ITALY autentico!

VEDI ALCUNI DEI NOSTRI CAPI:

Dolcevita classico

Cappello a coste in cashmere, lana e seta

Maglia girocollo trecce in cashmere e lana merino

Guanti in nappa con fodera in seta

    0
    Il Tuo Carrello
    Il Carrello è vuotoRitorno allo Shop
      Calcola Spedizione
      Applica coupon
      Coupon disponibili
      20xnew Ottieni lo sconto su 20%
      99% Ottieni lo sconto su 99%
      dario2024 Ottieni lo sconto su 99%
      relaxshop Ottieni lo sconto su 10%
      welcome10 Ottieni lo sconto su 10%
        Prodotti che potrebbero piacerti
        Prodotti che potrebbero piacerti